XI Festival Troia Teatro – 2° giornata

FTT_4-8-16_GiuseppeLucianoPirro-4

Seconda giornata della XI edizione del #Festival Troia Teatro!!!

Nell’aria si percepiscono ininterrottamente dinamiche da processo creativo: il pubblico è quasi travolto gioiosamente dale cariche “elettriche” degli artisti e delle Compagnie presenti; ogni performance entra nelle “case” e nelle vie del centro storico, bussando metaforicamente nei cuori degli spettatori.

13920202_10155179034588009_2139721168184465937_o

Dalle 13 si crea e progetta a San Domenico: la Residenza di Teatrodilina lavora sul loro prossimo spettacolo Pompeo tratto da Gli Ultimi Giorni di Pompeo di Andrea Pazienza. Un work in progress che parte dalla mano del fumettista per giungere a vere e proprie sperimentazioni antropologiche. Siamo curiosi di “spiare” nuovamente quest’opera in movimento. Nuovamente oggi dalle 13, fino a domenica, sarà possibile osservare la creazione artistica in atto.

13925976_10155178982543009_8086213142164705207_o

Intorno alle 17 si apre il workshop Reportage Illustrato, curato da StudiOrtica, dove la fotografia e il disegno si fondono simbioticamente per dare corpo ai ricordi del Festival, per catturare attimi ed emozioni, per imprimere nel tempo la frenesia e l’adrenalina della manifestazione, le creazioni e i sudori degli artisti e degli operatori a lavoro. La parola d’ordine è decelerazione e sottrazione: di da’ “voce” alla non-voce. Prossimo appuntamento oggi in Piazza Episcopio alle 19.

13641142_10155177352633009_5278855693071716222_o

Intanto sulle scale della Cattedrale comincia il tradizionale incontro, aperto al pubblico, ai passanti e ai curiosi del luogo, con gli artisti e gli operatori del Festival Talking About, a cura di Teatri35: si discute, ci si confronta, ci si arricchisce di continuo dello sguardo e della prospettiva dell’altro, si approfondiscono temi e conoscenze per raggiungere obiettivi comuni, percorsi costruttivi e progettualità da condividere prossimamente. Prossimo incontro oggi alle 17 in Piazza Cattedrale.

13669487_10155177360023009_6361515600237486704_o

Se alle 19 presso la Villa Comunale viene allestito e prende vita l’aperitivo musicale Apéro con Andrea Casoli che intrattiene musicalmente i presenti, dalle 21 e alle 22:15 il cantastorie e vignaiolo Mario Ciarmoli ospita il pubblico nella sua cantina (cantina da bioMario) per una performance che abbraccia poesia e musica dal vivo, tra tradizione  e linguaggio moderno. Gli spettatori in entrambi i casi diventano ospiti di una vera e propria creatività accogliente.

13913743_10155177369418009_6409559348539085693_o

Anche ieri altri due spettacoli finalisti in scena dopo le 21: Niente Panico* *veneggiamenti di un patafisico involontario di Luca Avagliano, un monologo che presenta la condizione del disorientamento sentimentale come naturale processo di maturità, intervallato però da sprazzi di comicità esilaranti, come da segni illogici di nonsenso e da involontari vaneggiamenti infantili e, allo stesso tempo, esistenziali. La reclusione autoinflittasi dal protagonista non fa che spalancargli un varco di pensieri e riflessioni sulle paure di cui siamo ossessivamente prigionieri dal momento in cui vengono a mancarci i castelli di sabbia delle certezze che, spesso, la società ci induce a costruirci. Un sogno ad occhi aperti che, ahinoi, non vuole più essere sogno, nonostante la stancante realtà.

13731927_10155178999243009_1708416893677966502_o

Matremo Teatro mette in scena con coraggio e voluta intensità Mamma – Piccole Tragedie Minimali di Annibale Ruccello: quattro donne o, meglio, quattro madri, a mo’ di episodi presentano, singolarmente, sull’altare del dolore le proprie frustrazioni, ansie e patimenti, contornati da colori forti e abissali…che chiedono allo spettatore, in forma quasi di confessione, di guardare attraverso il sottile spioncino della porta del palcoscenico per invogliarlo a credere nel mistero di una forza più potente di sé. In scena fissa una sedia, antitesi di staticità, simbolo non solo della ritualità popolare del Sud, ma del sapore di una vita fatta di lati oscuri, richieste di fecondità e, soprattutto, di purissime forme d’amore. Una purezza però celata dal desiderio, da contrattempi e ambizioni malate (isterismi umani e naturali). Catastrofismi che, richiamando alla madre del Cristo, affermano ancora una volta il peso della femminilità in tutte le sue sfaccettature.

13913894_10155179003578009_958445603048677322_o

Nel #dopoFestival grande successo di pubblico hanno riscontrato gli eventi a cura di Movida Night presso la Villa comunale con protagonisti Mani d’Avorio in concerto e Action30 DJ/VJ SET.

13925640_10155178989743009_2937664925657680134_o

Per il terzo appuntamento con #TroiaTeatro16:

Dalle ore 13 a San Domenico la Residenza Teatrodilina con lo spettacolo in costruzione Pompeo.

Alle 17:30 a cura di Teatri35 l’incontro Talking About sulle scale della Cattedrale.

Alle 19 il workshop Reportage illustrato in Piazza Episcopio e presso la Villa comunale aperitivo in musica Apéro con Giambattista Ciarmoli e Il palpito dell’Uno.

Due gli spettacoli finalisti in scena dopo le 21: presso il Palazzo Vescovile il documentario Faber Navalis di Maurizio Borriello (21:30) e presso il Palazzo Vescovile lo spettacolo Sfinge di Melissa Lohman (22:15).

Dalle 20:30 iniziano a sparpagliarsi gli artisti di strada per le vie di Troia: Takabum Band (20:30-21:45-23:45 itinerante), Trio Ristoccia (21:00-22:15-23:15 San Francesco), i Canta Autori (21:00-22:15 San Benedetto), Coma Berenices (21:00-22:15-23:15 via Regina Margherita), il Ciclo Teatro (21:00-22:15-23:15 San Giovanni).

Alle 21:00 e alle 22:15 Mario Ciarmoli presso la sua cantina (cantina da bioMario).

Alle 22:55 presso il Chiostro San Benedetto i quadri tridimensionali *** Labirinto di Teatri35.

Infine per il #dopoFestival, presso la Villa Comunale, a mezzanotte il concerto di Giglio e a seguire DJ/VJ a cura di Action30.

Buona seconda giornata a tutti!!